fbpx
Tel: (+39) 055.4627448 — Cell (solo emergenze): (+39) 370.3357615
Chat Whatsapp
Durata: 06 Lug 2024 - 21 Lug 2024
Luogo: India, Ladak & Kashmir
Prezzo: Da € 2420 (volo intercontinentale escluso)
Programma di viaggio: scarica il PDF

PROGRAMMA:

GIORNO 1     6 LUGLIO
ITALIA – VOLO
Arrivo in aeroporto in tempo utile per l’imbarco sul volo verso l’India. Disbrigo delle formalità doganali e partenza con volo di linea. Notte in volo.

GIORNO 2     7 LUGLIO
VOLO – DELHI – VOLO – LEH
Oggi ci trasferiamo all’aeroporto di Nuova Delhi e voliamo a Leh, Il capoluogo della regione. E’ una città
straordinaria collocata a 3500 metri sul livello del mare divenuta famosa in tutto il mondo per il suo bellissimo
Palazzo Reale (che sembra una versione in miniatura del potala di Lhasa), per la sua splendida moschea lignea e
perchè ogni tanto ci viene in visita il Dalai Lama. La giornata di oggi sarà dedicata a l’acclimatamento a questa
altitudine. Ce la prendiamo quindi molto comoda e nel pomeriggio ci facciamo una passeggiata per il bazar.

GIORNO 3     8 LUGLIO
LEH 
Intera giornata dedicata alla visita di tre grandi monasteri situati nelle vicinanze di Leh: Shey, Thiksey ed Hemis.
Terminata la visita rientro a Leh. Shey, situato su una collina di bianche rocce cristalline a 15 km sud di Leh, è
l’antico palazzo estivo dei sovrani ladakhi, eretto verso il 1430. L’immagine principale del Monastero è
rappresentata dalla figura del Buddha Sakyamuni realizzata in rame. Thiksey Monastery è a 3 km da Shey ed è il
più bello di tutti i monasteri del Ladakh. Pomeriggio libero a disposizione per passeggiate e shopping nel Main
Bazar, il vivace mercato attorno al quale si sviluppa la città vecchia. Pernottamento in hotel. Pensione completa.

GIORNO 4     9 LUGLIO
LEH – CHUMATANG – TSO MORIRI (KORZOK)
Si lascia il Ladakh e proseguiamo per una strada sterrata che taglia l’Himalaya e scende verso le pianure indiane. Il
percorso è di un’estrema e unica bellezza. La strada attraversa altipiani desertici e brillanti e verdi oasi di
fondovalle, tutto sotto un cielo blu cobalto. E’ la parte paesaggisticamente più bella del viaggio e sullo sfondo la
catena himalayana indiana sembra sbarrare la strada. Sulla strada per Chumathang ci si ferma al posto di frontiera
di Upshi. Visita al monastero di Chumathang. Si devia verso est per il lago Tso Moriri. Qui si trova anche la Puga
valley, le cui sorgenti termali di acqua calda pare abbiano effetti benefici per la cura delle ossa e delle malattie
della pelle. Cena e pernottamento in campo tendato a Korzok (Al campo, forniscono la borsa dell’acqua calda per
la notte e un secchio di acqua calda la mattina. Elettricità dalle 19.30 alle 23.00 (è consigliabile portare una torcia).
Il cibo è vegetariano. Pensione completa.

GIORNO 5     10 LUGLIO
TSO MORIRI (KORZOK) – Festival di KORZOK
Trascorriamo la mattinata nella corte del monastero di Korzok fra gli eventi del festival che attira un gran numero
di nomadi dell’altopiano. Il monastero, fondato nel 1636, appartiene alla scuola dei Drukpa Kagyu. E’ stato
restaurato e ingrandito di recente e dalla sua terrazza si gode un’ottima vista del lago. Una grande immagine di
Buddha Sakyamuni domina l’altare del Gompa nella sala principale, mentre i suoi muri sono abbelliti con murali
rappresentanti le divinità buddhiste tibetane. Al pomeriggio sarà possibile fare magnifiche passeggiate lungo la
sponda del lago nel tipico ambiente dove vive il Kyang, il cavallo selvaggio che condivide le pasture con gli yak
dei nomadi. Pasti e pernottamento in campo tendato. Pensione completa.

GIORNO 6     11 LUGLIO
TSO MORIRI (KORZOK) – LEH
Dopo colazione, rientro a Leh ripercorrendo la strada fino alla biforcazione, poco prima di Puga Sumdo,
scendendo fino al Mahe Bridge e ritornando sulla destra orografica dell’Indo. La strada corre lungo un paesaggio
spettacolare, passiamo per i villaggi di Nyoma (4.000m), circondato da campi coltivati, Mahé (4.170m) e Kiari.
Arrivo a Leh, sistemazione all’hotel. Pensione completa.

GIORNO 7     12 LUGLIO
LEH – KHARDUNGLA (5560 mt) – VALLE DI NUBRA
Conosciuta come la valle dei fiori, la Nubra valley si raggiunge superando il passo di Khardungla a 5560 metri di
quota, forse il passo più alto del mondo. Fino a pochi anni fa la valle era chiusa al turismo poiché, al suo termine,
la barriera dell’Himalaya è contesa con il vicino Pakistan; il ghiacciaio del Siachen, ai piedi di vette ben più alte di
settemila metri, è parte della contesa. La Nubra valley era un tempo via di transito per le carovane che dalla Cina,
attraverso il Karakoram Pass, entravano in territorio tibetano per poi proseguire verso l’India. Consigliata
l’escursione ai monasteri di Sumung, Panamik che, tra vette senza nome, da secoli, perpetuano gli insegnamenti
del Buddha. Pernottamento in hotel. Pensione completa.

GIORNO 8     13 LUGLIO
VALLE DI NUBRA
La giornata di oggi sarà alla scoperta della meravigliosa Nubra Valley, dei suoi villaggi e dei suoi monasteri. Dopo
colazione visitiamo Panamik, l’ultimo villaggio della valle prima del ghiacciaio Siachen, un luogo incredibile dove
l’uomo lotta e collabora con la natura. E’ noto anche per le sue sorgenti termali. Dopo una bella passeggiata
ritorniamo al campo per il pranzo. Nel pomeriggio andiamo a visitare il villaggio di Sumur, dove è situato il
monastero di Samtaling, collocato sulla roccia, della setta Gelukpa. Pernottamento in hotel. Pensione completa.

GIORNO 9     14 LUGLIO
VALLE DI NUBRA – PANGONG TSO
Si prosegue per il lago di Pangong (4240 mt) risalendo un piccolo affluente dello Shyok verso est, attraverso un
ambiente con forti colorazioni dove deserto e pianure si intersecano tra monti sulle cui cime si vedono alcuni
ghiacciai; si arriva presto alle acque incredibilmente turchesi del mitico lago. Una vastità azzurra, l’aria
incredibilmente pura, tra monti altissimi, oltre ogni nostra capacità descrittiva, che ispirò alcuni passaggi stupendi
dell’interessante libro “La via delle nuvole bianche” di A. Govinda. Le sue acque nella parte orientale arrivano nel
Tibet a dominio cinese nei pressi della terza capitale dell’antico regno di Gughe, Rutok. Pernottamento in hotel.
Pensione completa.

GIORNO 10     15 LUGLIO
PANGONG TSO – SHACHUKUL – CHEMREY – LEH
Si torna al villaggio di Tangtse; da qui si risale per un tratto il fiume Shyok e quindi si imbocca una valle a sud (circa
10 km) arrivando al villaggio ed al monastero di Shachukul, di scuola Drigung Kagyu. Nel vecchio Gompa si
ammirano alcune interessanti statue, e, nel Lhakhang, affreschi nuovi ma di ottima fattura che ritraggono, tra i vari
soggetti, il lignaggio da cui origina la scuola. Si torna a Tangtse e si riprende la strada attraverso l’altissimo passo
del Chang La; prima di giungere all’Indo si sosta Chemrey, un Gompa dalla struttura vicina all’archetipo di quello
che ci si può immaginare come un luogo di ritiro himalaiano, con le casette dei monaci incastonate nei versanti di
un ripido colle sulla cui cima sorgono i templi, tanto che fu scelto per girarvi il film ‘Samsara’. Arrivati al grande
fiume lo si attraversa per raggiungere il versante meridionale della valle arrivando al monastero di Hemis, il
principale della scuola Drukpakagyu del Ladakh. E’ un’importante meta di pellegrinaggi, con diverse sale di
preghiera affrescate che ospitano una ricca collezione di tanka, statue d’oro e stupa (reliquie) incastonati con pietre
preziose. Completata la visita si prosegue per Leh, dove si alloggia nel medesimo hotel. Pensione completa.

GIORNO 11     16 LUGLIO
LEH – Festival di TAK THOK
Dopo colazione intera giornata dedicata per godere la festa di Tak Thok (Dak Thok). In tutto il mondo buddista, ci
sono una serie di festival Tsechu ovvero feste religiose che si dedicano a Guru Rimpoche, fondatore del buddismo
tibetano. Il Dak Thok Tsechu viene celebrato per onorare le gesta e le imprese di Guru Rimchoke. Durante il
festival di Tsechu, i monaci e la gente locale fanno danze tradizionali. Le danze rappresentano diversi aspetti delle
divinità arrabbiate e compassionevoli e di una varietà di animali. Questo festival è una delle attrazioni più
interessanti del Ladakh. Tsechu è anche considerato come un luogo di incontro sociale in cui la gente locale si
adorna con i migliori vestiti e gioielli. Pernottamento in hotel a Leh. Pensione completa.

GIORNO 12     17 LUGLIO
LEH – ALCHI – LAMAYURU – KARGIL
Dopo colazione partiamo verso ovest per immergersi nella natura e nei paesaggi di questo pezzo di mondo. Sosta
al monastero di Alchi, ubicato all’estremità di una stretta gola. Il complesso fu fondato nell’XI secolo dal grande
traduttore Ring-chen Zangpo, che vi portò artisti provenienti da vari monasteri del Kashmir, al fine di dare vita ad
affreschi murali e antiche sculture lignee che oggi sono considerati i tesori artistici più importanti della cultura
buddhista in Ladakh. Continuiamo il nostro viaggio fino a raggiungere Lamayuru visitandone il monastero, uno dei
più antichi del Ladakh, del X secolo. Si prosegue lungo la strada che serpeggia verso ovest; superato il Fatu La
(4147 mt) e oltre il valico del Namika (3760 mt) si raggiunge Gyal, un caratteristico villaggio con un tempio ricavato
traforando la roccia, ripreso nel film “Samsara”. Poco oltre si arriva a Mulbekh; qui, oltre alla famosa statua
rupestre di Buddha Maitreya (VII secolo), si trovano due monasteri posti su un ripido colle. Si prosegue per Kargil.
Pernottamento in hotel a Kargil. Pensione completa.

GIORNO 13     18 LUGLIO
KARGIL – SRI-NAGAR (KASHMIR)
Si sale in direzione ovest verso la valle di Dras, famosa per le incredibili punte di gelo che vi si registrano in
inverno: fino ad oltre i -50°c. Il valico dello Zojla offre lo spettacolo di un’incredibile trasformazione naturale: si sale
in un ambiente arido, con le strisce di neve che arrivano spesso fino alla strada, e si scende nella valle di
Sonamarg, ricca di foreste di pini; in pochi altri luoghi al mondo il cambiamento è così radicale. Giunti nell’ampia
valle di Srinagar ci sistema in una comoda casa galleggiante del lago Dal. Pensione completa.

GIORNO 14     19 LUGLIO
SRI-NAGAR (KASHMIR)
Dopo la colazione, faremo una gita in shikara (un’imbarcazione di legno tipica dei laghi del Kashmir) sul lago per
vedere il mercato galleggiante. Sempre al mattino si visitano il primo esempio di giardini moghul. Pomeriggio
libero di relax. Pernottamento in hotel House Boat. Pensione completa.

GIORNO 15     20 LUGLIO
LEH – FESTIVAL DI TAK THOK (DAK THOK)
Dopo aver fatto colazione, dedicheremo la giornata alla festa di Thag Thog oppure Takthok. Dak-Thok TseChu: In
tutto il mondo buddista, ci sono una serie di festival Tsechu ovvero feste religiose che si dedicano a Guru
Rimpoche, fondatore del buddismo tibetano. Il Dak Thok Tsechu viene celebrato per onorare le gesta e le imprese
del Guru. Durante il festival di Tsechu, i monaci e la gente locale fanno danze tradizionali. Le danze rappresentano
diversi aspetti delle divinità arrabbiate e compassionevoli e di una varietà di animali. Questo festival è una delle
attrazioni più interessanti di Ladakh. Tsechu è anche considerato come un incontro sociale in cui la gente locale si
adorna con i migliori vestiti e gioielli. Pensione completa.

GIORNO 16     21 LUGLIO
SRI-NAGAR – DELHI – ITALIA
Al mattino, trasferimento con volo interno verso Delhi e proseguimento con volo intercontinentale verso l’Italia.
Termine dei nostri servizi.