Tel: (+39) 055.4627448 — Cell (solo emergenze): (+39) 370.3357615
Chat Whatsapp
Durata: 26 Nov 2022 - 04 Dic 2022
Luogo: MALI
Prezzo: DA €1.350
Programma di viaggio: scarica il PDF

GIORNO 01 SABATO
ITALIA – VOLO – BAMAKO
Partenza per il Mali con volo di linea. Arrivo all’aeroporto internazionale Bamako-Senou , ricevimento, trasferimento e sistemazione in hotel . Cena non inclusa. Pernottamento in hotel Mandé o similare

GIORNO 02 DOMENICA
BAMAKO – SEGOU
Al mattino visita di Bamako, la capitale del Mali. La città si sviluppa lungo il fiume Niger, tutta la città brulica di una attività frenetica e sin dalle prime luci dell’alba gli innumerevoli negozi e mercati si animano di un incessante e gioioso “chiacchiericcio”. Una vista al Mercato di Medina permette di fare un tuffo nel pieno della vera Bamako ; in questo immenso spazio che si estende per ben 30 ettari si concentrano le principali vendite all’ingrosso. Si possono osservare prodotti provenienti dalle più disparate regioni dell’Africa occidentale: Yucca ( Ingame o Yam) ; Manioca ; Platano ( bananes plantin ) oltre che innumerevoli varietà di cereali e spezie. Vista del piccolo ma interessante museo nazionale. Pranzo in ristorante, nel pomeriggio partenza per Segou, lungo la strada si possono osservare diversi villaggi dell’Etnia Barbara con le sue capanne rotonde coperte da un tetto in paglia. Arrivo a Segou nel pomeriggio, la città fu chiamata “la bianca” poiché i francesi dopo la sua occupazione costruirono innumerevoli abitazioni dipingendole di bianco per distinguerle dalle sontuose abitazioni rosse dei possidenti del regno di Segou, proprio per sottolineare il passaggio di potere, per cui “Segou la rossa” di Biton Coulibali divenne “la Bianca” del governatore Fadherbe. La città si estende anch’essa sulle rive del fiume Niger; lungo la darsena attraccano innumerevoli Pinacce ( pinasses), barconi in legno con il fondo piatto generalmente ricoperti da un tetto in legno e stuoie. Sistemazione in Hotel, cena e pernottamento

GIORNO 03 LUNEDÌ
SEGOU – SAN – DJENNÈ
Partenza al mattino presto per Djenne. Lungo la strada si possono incontrare innumerevoli villaggi dell’etnia Bobo. Arrivo a Djennè, in occasione del suo coloratissimo mercato settimanale che, verso mezzogiorno, raggiunge il massimo dell’attività: allevatori Peul , pescatori Boso, coltivatori Bobo tutti si ritrovano nella grande piazza antistante la grande moschea, trasformando una spianata polverosa in un incredibile acquarello i cui colori sono le genti, i loro vestiti e le mercanzie che recano. Visita della città con i suoi vicoli che si aprono tra case in terra alte anche tre piani, i suoi palazzi tutti costruiti in adòbe (mattoni crudi) come la grande Moschea che con i suoi 45 metri di altezza rappresenta la più grande costruzione in terra del mondo. Visita di una “madrassa”, la scuola coranica; avremo il tempo di osservare lo sciamare delle genti che se ne vanno dal mercato verso le sperdute terre del delta interno. Sistemazione in un caratteristico Hotel. Notte a Djenne. Pensione completa.

GIORNO 04 MARTEDÌ
DJENNÈ – PAESE DEI DOGON
Intensa giornata in 4×4 dedicata ai villaggi della falesia meridionali, in questa zona i Dogon si sono islamizzati e quindi hanno abbandonato la falesia costruendo delle fantasiose moschee in adobe, inoltre è qui possibile risalire fino in cima alla falesia per visitare quello che nei villaggi animisti è ancora tabù, cioè le capanne dei feticci. Spettacolari sono i villaggi di Endè Teli e di Kanikombolè . In questo villaggio si può osservare una bellissima moschea in stile misto e sincretico sudanese con le guglie e animista, le celle della moschea ricordano la casa dello sciamano. Risaliamo la falesia e visita del villaggio di Songo e delle pitture rupestri che raffigurano immagini e simboli mitologici. In serata arrivo a Sangha, sistemazione nel locale Hotel. Pensione completa..

GIORNO 05 MERCOLEDÌ
IL PAESE DEI DOGON
La mattina molto presto partenza in 4×4 alla volta dei villaggi Dogon di Falesia. I dogon si rifugiarono in questa regione montuosa intorno al XII° secolo per sfuggire alle persecuzioni nei islamiche. L’eccezionale isolamento ha permesso alle loro tradizioni e alla loro religione animista di arrivare fino ai giorni nostri. Una volta discesa la Falesia che qui precipita direttamente sulla piana sabbiosa del “Seno Gondo” appare uno degli spettacoli più grandiosi di tutta l’Africa. Lungo le pareti si trovano arroccate innumerevoli abitazioni e in alto si possono osservare le grotte e le abitazioni dei Tellem, gli antichi abitanti di questa regione. Le abitazioni di questo misterioso popolo che si trovano anche a parecchie centinaia di metri dal suolo vengono oggi usate dai Dogon come sepolcri e per custodire i “preziosi” feticci. Le abitazioni Dogon sono costruite in genere su terrazzamenti. Nella concessione familiare vi è inglobato il caratteristico granaio. I Dogon coltivano il poco terreno che riescono a strappare tra la roccia e le dune, impressionante è la capacità di arrampicarsi lungo i sentieri e i crepacci della falesia che hanno tutti i componenti di questa etnia. Nei villaggi spiccano le tugunà, si tratta di luoghi in cui il consiglio degli anziani tratta tutte le questioni concernenti la vita del villaggio. Pranzo al Sacco. Nel tardo pomeriggio rientro a Sangha, cena e pernottamento in Hotel.

GIORNO 06 GIOVEDÌ
IL PAESE DEI DOGON – NAVIGAZIONE SUL FIUME NIGER – MOPTI
Partenza al mattino, arrivo a Mopti per una escursione in piroga a motore per visitare i villaggi dei pescatori dell’etnia Boso che vivono pescando e essiccando il pesce del fiume Niger e Bani. I Boso sono anche ottimi muratori e costruiscono delle case in Adobe di pregevole fattura. Coloratissime sono le grandi piroghe che servono le rive del fiume Niger e che provengono da nord da località isolate come Niafunkè e Tonka o da Sud, e toccano Djafarabe e Kouakouroum, luoghi inaccessibili se non via fiume. Rientro a Mopti nel tardo pomeriggio, pernottamento in hotel. Pensione completa.

GIORNO 07 VENERDÌ
MOPTI – SEGOU
In Mattinata visita della città di Mopti. Posta alla confluenza di due grandi fiumi, riveste oggi un importanza fondamentale per Mali, poiché dal suo porto le imbarcazioni collegano via fiume regioni che altrimenti sarebbero completamente inaccessibili per buona parte dell’anno. Il suo mercato brulicante e carico di odori si sviluppa soprattutto intorno alla darsena, dove si mescola all’arrivo e al partire incessante delle enormi piroghe che si riempiono o si svuotano dei loro carichi di merce e di gente. Pranzo e partenza per Segou, arrivo in serata. Cena e pernottamento in Hotel. Pensione completa..

GIORNO 08 SABATO
SEGOU – BAMAKO – VOLO DI RIENTRO
Partenza alla volta di Bamako. Arrivo a Bamako e consegna delle camere in Day Use. Tempo a disposizione per le ultime visite della città e gli ultimi acquisti. Pranzo libero e cena in un bellissimo ristorante in stile sudanese. In serata, trasferimento in aeroporto per l’imbarco del volo di rientro

GIORNO 09    DOMENICA
VOLO -ITALIA
Cambio di aeromobile e arrivo in Italia