Tel: (+39) 055.4627448 — Cell (solo emergenze): (+39) 370.3357615
Chat Whatsapp
Durata: 11 Ago 2022 - 26 Ago 2022
Luogo: PAKISTAN
Prezzo: Da € 2950
Programma di viaggio: scarica il PDF

Partiremo da Lahore, capitale del Punjab e per proseguiremo alla scoperta delle regioni dell’Indokush e del Karakorum, partecipando a uno dei festival più importanti del popolo Kalash: l’ Uchal Festival. Viene celebrato ogni anno ad agosto in occasione della mietitura cantando, ballando e rendendo omaggio alla natura per poi raccogliere l’orzo e il grano. Tra valli incantate e montagne poderose incontriamo i Kalash, ultimi superstiti pagani di origine europea. Percorreremo la mitica Karakorum Highway,
fino a raggiungere il suo punto più alto a quasi 5000 mt.

 

GIORNO 1       GIOVEDI’ 11 AGOSTO
ITALIA – VOLO – LAHORE
Arrivo in aeroporto almeno 3h prima della partenza del volo. Disbrigo delle formalità doganali e partenza con volo di linea.

GIORNO 2       VENERDì 12 AGOSTO
LAHORE
Lahore è il centro culturale storico della regione del Punjab, ed è la più grande città punjabi del mondo. Ha una lunga storia, ed è stata sotto il dominio degli Shahi indù, Ghaznavidi, Ghuridi e Sultanato di Delhi. Lahore è la città più interessante del Pakistan, dal punto di vista culturale e intellettuale, le strade trafficate e i bazar uniti alla grande varietà di architettura islamica e britannica rendono la città piena di atmosfera, contrasti e sorprese. Arrivo a Allama Iqbal International Aeroporto e trasferimento al Chai Khanaper per un thè di benvenuto e poi trasferimento per il check-in in hotel, pranzo al ristorante dell’hotel. In serata arriveremo in auto al confine di Wagha (al confine con l’India), che dista 27 km da Lahore, per una cerimonia imponente ed emozionante, dove le due nazioni vicine si scambiano le rispettive bandiere in segno di pace: la cerimonia inizia con la stretta di mano dei capitani dei due paesi seguita da parate militari. Cena al Ristorante Village e pernottamento in Hotel di Lahore. Pasti: Pensione Completa.

GIORNO 3      SABATO 13 AGOSTO
LAHORE
Partenza dall’Hotel di prima mattina per assaporare la tradizionale colazione nella città vecchia di Lahore. In seguito cominceremo l’esplorazione della città vecchia di Lahore con un “tanga” (un vecchio mezzo di trasporto tradizionale) passando attraverso questa affascinante area, un labirinto di vicoli interconnessi e vecchie case a più piani. Dopo pranzo visiteremo il forte di Lahore, che è stato costruito in 16 ° secolo, meraviglia dell’architettura Mughal, con il suo favoloso Shish Mahal superbamente conservato. Proseguiremo con la visita alla Moschea di Badshahi, considerata la più grande del mondo risalente al 17 ° secolo. Visiteremo poi l’Anarkalai Bazar. Cena e Pernottamento in Hotel. Pasti: Pensione Completa.

GIORNO 4      DOMENICA 14 AGOSTO
LAHORE – ISLAMABAD
Dopo la prima colazione partiremo verso Islamabad, la capitale. Lungo la strada “Islamabad Motor way” visiteremo il Minar Hiran (tomba costruita nel 16 ° secolo dai Moghul). Continueremo il nostro viaggio per raggiungere la miniera di sale di Khewara (o miniera di sale di Mayo), la più grande del Pakistan, la 2 ° più grande del mondo e la più antica miniera di sale del mondo. È una grande attrazione turistica, attirando fino a 250.000 visitatori l’anno. La sua scoperta da parte delle truppe di Alessandro risale al 320 aC, ma il commercio vero e proprio iniziò nell’epoca Mughal. Il tunnel principale a livello del suolo fu sviluppato dal Dr. H. Warth, un ingegnere minerario, nel 1872 durante il dominio britannico. Dopo l’indipendenza la Pakistan Mineral Development Corporation ha rilevato la miniera, che rimane ancora la più grande fonte di sale nel paese, producendo più di 350.000 tonnellate all’anno delle quali circa il 99% di halite pura. In seguito visiteremo i templi di Katas Raj, anche conosciuti come Qila Katas: diversi templi indù collegati tra loro da passerelle. I templi circondano uno stagno chiamato Katas che è considerato sacro dagli indù. Il pranzo sarà al lago KalarKkahar. Pernottamento in Hotel. Pasti: Pensione Completa.

GIORNO 5      LUNEDI’ 15 AGOSTO
ISLAMABAD – CHILAS (480 km, 10 ore circa)
Partiremo da Islamabad per arrivare a Besham, attraversando le famose città di Abbottabad e Mansehra. Più tardi seguendo il corso del fiume Indo, faremo soste fotografiche a Shatial, dove si trovano rocce con antichi graffiti. Arriveremo a Chilas per il pernottamento in hotel. Pasti: Pensione Completa.

GIORNO 6      MARTEDÌ’ 16 AGOSTO
CHILAS – HUNZA – KARIMABAD (240 KM, circa 5 ore)
Partenza in mattinata. Dal finestrino della vettura potremo ammirare il Nanga Parbat, che offre panorami mozzafiato. La prossima tappa sarà il punto dove tre montagne, il Karakoram, l’Himalaya e l’Indù Kush si incontrano, vicino alla confluenza del fiume Indo e Gilgit Rivers. Continueremo il nostro viaggio attraversando diversi villaggi nelle valli di Hunza e Nagar e faremo una sosta fotografica al punto panoramico Rakaposhi. Il pranzo sarà servito al Rakaposhi per poi ripartire alla volta di Karimabad. Pernottamento a Karimabad. Pasti: Pensione Completa.

GIORNO 7      MERCOLEDI’ 17 AGOSTO
KARIMABAD – PASSO DI KHUNJERAB – KARIMABAD (300 Km circa incluso il ritorno)
Giornata dedicata all’escursione al Khunjerav Pass (Khun’ significa Sangue e ‘Jerav’ significa torrente proveniente da acqua di sorgente) , attraversando il lago Attabad di nuova formazione. Questo lago, lungo 30 km si è formato solo nel 2010 dopo una massiccia frana che ha arginato completamente il fiume Hunza. Le sue acque fresche e cristalline sono uno spettacolo unico e passare attraverso i suoi 5 tunnel sarà un’esperienza indimenticabile. Suggeriamo una visita al ghiacciaio Passu, da dove parte un sentiero che risale la collina che conduce al Breeze Restaurant, famoso per servire deliziose torte all’albicocca. È anche un ottimo posto per vedere i coni di Passu e il ghiacciaio Passu dall’alto. Per chi è in cerca di adrenalina, potrà dirigersi verso il ponte di corda vicino la città di Husseini, a soli 10 km di distanza. La popolazione locale del villaggio di Hussaini, soprattutto le donne, spesso usano questo pericoloso ponte per attraversare il fiume per arrivare a Zarabad. Conosciuto come il ponte più pericoloso del mondo, il ponte sospeso Hussaini può sembrare pericoloso, tuttavia, è un ponte relativamente sicuro ed attira gli escursionisti più intrepidi. Pernottamento a Karimabad. Pasti: Pensione Completa.

GIORNO 8      GIOVEDI’ 18 AGOSTO
VALLE DI HUNZA – KARIMABAD
Ultar, Hunza Dome, Bublimating, Spantik e Diran sono le cime famose che circondano Karimabad, mentre il Rakaposhi a 7788m domina l’intero panorama. A Karimabad, visiteremo il Baltit Fort Museum e Altit Fort. Tempo libero in serata per lo shopping al Bazar. Pernottamento a Karimabad (Darbar Hotel). Pasti: Pensione Completa.

Valle della Hunza:
La valle di Hunza era un regno indipendente situato sulle alte montagne di Gamma Karakoram. La valle è stata abitata da gente chiamata “Hunzakuts” per oltre 2000 anni. Parlano una lingua unica chiamata Burushaski, nessuna affinità con altre lingue del patrimonio indo-ariano di lingue parlate nella regione. Prima che lo stato fosse fuso al Pakistan, Hunza mantenne il suo status semi-indipendente durante il regno dell’impero indiano britannico. Il sovrano di Hunza era chiamato Mir of Hunza. Con la morte dell’ultimo Mir nel 1974, Hunza perse il suo potere e la sua semi-indipendenza. Prima della costruzione dell’autostrada Karakorum, avvenuta con l’accordo tra il governo del Pakistan e la Cina, Hunza rimase in uno stato di isolamento, l’accessibilità era molto difficile. Questa situazione cambiò bruscamente il suo corso con l’arrivo della gente delle valli e di altre parti del paese. Essendo seguace della fede ismailita, Hunzakuts vide un raggio di speranza sotto la direzione del loro leader spirituale il quale ha aperto uno spiraglio di progresso con varie iniziative di sviluppo attraverso iniziative culturali, educative e di emancipazione dei bisognosi. Il successo di questi programmi ha portato un cambiamento completo facendo salire il livello di istruzione al 90% della popolazione, la più alta di qualsiasi altra parte del Pakistan.

GIORNO 9       VENERDI’ 19 AGOSTO
KARIMABAD – PHUNDER (260 Km, circa 6/7 ore)
Colazione. Partenza al mattino per Phunder con breve sosta a Gilgit per poi proseguire verso la Ghizer Valley. La strada da Guppis a Mastuj è estrema. Aspettatevi un strada sterrata accidentata e guida solo in 1° e 2° marcia. Salite e discese molto ripide, è la strada che attraversa uno dei più belli, ma isolati ed aspri paesaggi sulla Terra. Breve giro a Sher Qila, una delle parti più centrali della Valle. Arrivo a Phunder e sistemazione in casa di una famiglia locale. Pasti: Pensione Completa.

GIORNO 10      SABATO 20 AGOSTO
PHUNDER – CHITRAL (240 Km, circa 7/8 ore)
Colazione. Questa sarà una lunga e affascinante giornata intervallata da soste ai vari villaggi che troveremo lungo il percorso. Questo tratto è uno dei più interessanti a livello fotografico. Faremo soste per interagire con gli abitanti mentre svolgono le loro attività quotidiane. Arriveremo al Lago Phandar e dove la vista sulla Valle è meravigliosa, faremo una sosta fotografica e successivamente risaliremo a circa 3800mt di altitudine – PASSO SHANDUR – dove troveremo il lago che segna il confine tra Gilgit e Chitral. All’arrivo a Chitral ci trasferiremo all’hotel. Pasti: Pensione Completa.

GIORNO 11      DOMENICA 21 AGOSTO
CHITRAL – BIRIR – BOMBURET (70 Km) “UCHAL FESTIVAL”
Colazione. Al mattino faremo una visita a piedi di Chitral, cittadina situata sulla sponda occidentale del fiume Kunar ai piedi del Tirich Mir (7708 mt) – la cui cima nel punto di confine tra Pakistan e Afghanistan è la più alta dell’Hindū Kūsh. Chitral è usata anche come base per molti trekking e spedizioni. Deve inoltre la sua importanza al commercio, da qui passavano infatti i carovanieri sulla via dell’Afghanistan. A Chitral visiteremo il vecchio forte, la Mosceha Shahi, tra le più antiche della città. Finiremo le visite al vivace e colorato bazaar. Partenza per la Bomburet Valley, la Valle dove risiede la minoranza Kalash. Dopo aver ottenuto i permessi speciali per il nostro ingresso, visiteremo Birir, il più ortodosso tra i villaggi Kalash. Passaggio e sosta anche al villaggio Guru, posto su una collina e ripartiamo poi per raggiungere Bomburet dove faremo il check-in presso la guest-house. Escursioni a piedi ai villaggi kalash di Batrik e Shiekhnandeh – gli abitanti di questo villaggio arrivarono dal Nuristan nel 1893 quando i Re afghani obbligavano alla conversione forzata all’Islam. Pernottamento a Bomburet.
Pasti: Pensione Completa.

GIORNO 12      LUNEDI’ 22 AGOSTO
BOMBURET “UCHAL FESTIVAL”
Colazione. Al mattino faremo un tour a piedi ai villaggi Kalash di Batrik e Anish, sarà un’occasione interessante per visitare le loro case e i luoghi di culto per conoscere il loro modo di vivere e tenere conto delle abitudini e delle tradizioni dei popoli Kalash. Dopo aver pranzato alla Guest House, proseguiremo per un’escursione nel villaggio di Rumbur, il secondo villaggio di Kalash – dove assisteremo ai festeggiamenti del Chilum. Più tardi, rientro in albergo e pernottamento a Bomburet. Pasti: Pensione Completa.

Uchal Kalash Festival
Uchal Kalash Festival è uno dei principali festival culturali del Pakistan. La tribù Kalasha celebra numerosi festival durante l’anno. La celebrazione del festival di Uchal è un omaggio a Onnipotente per averla benedetta con il raccolto. Il Festival di Kalash Uchal viene celebrato ogni anno ad agosto in occasione della mietitura cantando, ballando e rendendo omaggio alla natura per poi raccogliere l’orzo e il grano. Al festival di Uchal vengono preparati cibi speciali, formaggio, latticello e pane di mais per l’evento. Le donne in abiti tradizionali eseguono danze. Durante le preghiere del festival, viene eseguita una processione su un altopiano fuori dal villaggio di Balangkuru, dove inizia una lunga notte di danza.

GIORNO 13      MARTEDÌ 23 AGOSTO
BOMBURET – LOWARI TUNNEL – SAIDU SHARIF (297 km) – SWAT
Partenza al mattino dopo colazione per la Swat Valley, attraversando il tunnel Lowari e passando dalla cittadina di Drosh per scendere a Dir, dove faremo sosta per il pranzo. Proseguiamo verso Said Sharif, un area sacra buddhista situata ai piedi dei monti che separano la valle del fiume Saidu da quella del fiume Jambil. L’area sacra è costituita da due terrazze ricavate sul pendio del colle, tramite un taglio nella roccia sul lato nord. Il terrazzamento artificiale comprende uno stūpa, circondato da monumenti di dimensioni minori, e un monastero. Gli scavi vennero iniziati dalla Missione Archeologica Italiana nel 1963 e terminarono nel 1982, con una pausa tra il 1966 e il 1977. La prima campagna di scavo indagò la terrazza inferiore con lo stūpa principale, mentre la terrazza superiore con il monastero venne portata alla luce durante la seconda campagna. Trasferimento in hotel. Pernottamento in Hotel. Pasti: Pensione Completa.

GIORNO 14      MERCOLEDI’ 24 AGOSTO
SWAT
Dopo colazione partiremo per visitare diversi siti archeologici della Swat Valley, come il monastero buddista di Butkara Stupa, scavato e restaurato dalla missione italiana sotto il dott. Tucci. Visiteremo poi Islampur, il villaggio dei tessitori di lana. Lo storico Parvesh Shaheen narra che il villaggio di Islampur esisteva già nel 2 ° secolo, quando Kanishka il Grande era al potere. Allora era conosciuto come Salutar, e i maharaja, in particolare quelli che vivevano sulle rive del fiume Gange e Jamna, compravano proprio da questo villaggio i tessuti per i loro troni e abiti invernali. Inoltre visiteremo il Murghzar White Palace ed il Mangora Bazar. Pernottamento in Hotel.
Pasti: Pensione Completa.

GIORNO 15        GIOVEDI’ 25 AGOSTO
SWAT – ISLAMABAD (277 Km)
Colazione. Partenza per il rientro a Islamabad con soste lungo il percorso presso la stupa Shangadara e passeremo il Malakan Pass, con sosta fotografica al monastero Takht – e- Bhai. Raggiungeremo Islamabad in serata. Pernottamento in hotel. Pasti: Pensione Completa.

GIORNO 16       VENERDI’ 26 AGOSTO
ISLAMABAD – VOLO – ITALIA
Trasferimento in tempo utile in aeroporto per l’imbarco sul volo di rientro in Italia. Scalo e cambio di aeromobile. Arrivo in Italia e fine dei nostri servizi.