Durata: 12 giorni/ 9 notti
Luogo: Tibet
Prezzo: da € 2550
Programma di viaggio: scarica il PDF

Il Tibet è una terra di spazi interminati in un passaggio lunare: desertico ma ondulato, contrastato ora dall’altopiano piatto, ora dalle montagne altissime, ora dai sorprendenti laghi azzurri, un paese dove ti trovi delle volte  le  nuvole sotto i tuoi piedi all’orizzonte e  dove le strade che spesso scavalcano passi, superiori ai 5000 metri,  sembrano senza curve e senza fine.

DURATA: 12 giorni/ 9 notti

PUNTI FORTI:

  • Templi buddhisti in Tibet

  • Nam Tso Lake

  • Passaggio al Campo Base Everest

  • Scenari mozzafiato e laghi meravigliosi

GIORNO 1
Italia – Volo
Partenza per la Cina , cambio aeromobile e proseguimento.

GIORNO 2
Guangzhou – Lhasa
Trasferimento in aeroporto e volo per Lhasa. Arrivo a Lhasa, il centro spirituale di Tibet. Trasferimento all’hotel. Il resto della giornata a disposizione per rilassarsi e acclimatarsi all’alta altitudine. Pasti liberi. Pernottamento a Lhasa in albergo 3* o 4★.

GIORNO 3
Lasha (Drepung, Sera)
La mattina si visita il Monastero Drepung situato , a circa 10 km dal centro di Lhasa, uno dei più grandi ed importanti monasteri del Tibet, insieme a Sera e Ganden, dell’ordine Gelugpa. La parola “drepung” significa letteralmente o “mucchio di riso” e fa riferimento ai numerosi edifici bianchi un tempo ammassati sul fianco della collina. Prima dell’invasione cinese Drepung contava 7000 monaci; ora sono 800. Qui vi risiedeva il Dalai Lama prima della costruzione del Potala. Molto bella la grande sala delle riunioni chiamata Tsogchen Lhakhang. La cucina del monastero vi affascina: ci sono enormi pentoloni che possono cucinare fino a 1000 kg di spaghetti. Ora che sono rimasti in pochi li usano solo per le grandi feste. Durante alcune cerimonie viene srotolato un gigantesco “tangkha” sulle pareti del monte.
Trasferimento a Sera per assistere al dibattito filosofico. I giovani monaci che studiano nei collegi del monastero tutti i pomeriggi dalle 3 alle 5 si radunano nel grande cortile all’ombra degli alberi e si sfidano a duello verbale di eloquenza e sapienza. C’è una mimica ed una gestualità precisa: chi fa le domande sta in piedi e lancia le parole accompagnandosi con le mani e battendole; l’altro è seduto e risponde pacatamente. E’ un modo di studiare, di approfondire gli argomenti di studio, dibattere di dotti argomenti. Cena di benvenuto. Pernottamento a Lhasa in albergo 3* o4★.

GIORNO 4
Lhasa (Potala Palace,Jokhang Temple, BarkhorStreet)
Una giornata indimenticabile comincia con una visita al monumentale Palazzo Potala (UNESCO), che è stata la residenza del Dalai Lama e la sede del governo tibetano. L’edificio di 13 piani è attualmente trasformato in museo, che comprende oltre 200,000 statue, templi, santuari e articoli storici tibetani.
Si continua a visitare il Tempio Jokhang (UNESCO) di circa 1,300 anni, che è il luogo che + considerato il primo tempio buddista in Tibet e il Sacro Tempio di tutti i buddisti tibetani, visita al mercato storico di Lhasa. Questa zona è piena di commercianti che vendono le loro merci, burro di yak che aleggia nell’aria e centinaia di persone che ruotano in senso orario. Pasti liberi. Pernottamento a Lhasa in albergo 3* o 4★.

GIORNO 5
Lhasa – Gyantse – Shigatse (3840m)
Lasciata Lhasa saliamo su una strada panoramica fiancheggiando il fiume fino a dominare un immenso lago turchese, Yamdrok Tso, il Lago Scorpione, dal passo Kambala, resterete stupiti dallo strabiliante colore turchese e della vista del monte innevato Nyenchen Khangsar che si vede in lontananza. Questo è uno dei 4 laghi sacri del Tibet, dalla forma di scorpione, una goccia color cobalto incastonato tra le alte montagne circostanti. Proseguimento attraverso il passo Karo La a 5039 mt. dove potete vedere il ghiacciaio del monte Nojin Kangtsang (7.191mt.) sullo sfondo. Superato il valico raggiungiamo Gyantse. Visita al monastero di Pelchor Chode forse il monastero con le statue più interessanti e lo stupa più affascinante del Tibet. Di fianco al monastero si trova il Kumbum che è il chorten (stupa) più grande del Tibet, ha 9 piani simmetrici ed è sormontata da una cupola d’oro con quattro paia di occhi che guardano serenamente verso i quattro punti cardinali. I piani dello stupa si percorrono esternamente lungo una Kora visitando un numero infinito di cappelle con statue e dipinti. Kumbum vuol dire 100.000 immagini, e ci sono veramente tutte! Non dimenticate di prendere la torcia perché dentro è veramente buio! Dalla sua sommità si godono le spettacolari vedute della valle del Nyang-che. Trasferimento a Shigatse attraverso la fertile valle di Nyangchu. Pasti liberi. Pernottamento a Shigatse, 3 ★ / 4 ★

GIORNO 6
Shigatse -Tingri -Ronbuk –EBC(5100m)
Al mattino colazione e partenza per il Campo Base Everest, il must del vostro viaggio. Sosta a Lhatse, una piccola città situata a 150 km da Shigatse, dove potete pranzare nel ristorante locale. Proseguimento per Tingri, superando il passo Tsola (4600 m) e il passo Gyatsola (5248 m). Nel tardo pomeriggio si entra in Mt. Everest National Nature Reserve. Puoi goderti il panorama dell’Himalaya al Passo Gawula (5198m). Poi percorriamo la nuova strada a zigzag per Rongpuk . Da qui si ha una splendida vista del Monte Everest. E se il tempo è buono, il fantastico tramonto sul picco d’oro dell’Everest vi farà incantare. Pasti liberi. Pernottamento in tenda nomade o dormitorio o pensione Rongbuk.

GIORNO 7
EBC-Shigatse
Sveglia prestissimo per ammirare la grande alba all’Everest Peak, un immagine che supera ogni immaginazione, le luci dell’alba che fanno gradualmente apparire la montagna su uno sfondo ancora stellato offrono uno spettacolo da togliere il fiato, tempo permettendo. Stamattina non abbbbiamo incluso la colazione. Capirai il perché quando sarai sul posto. Disponibile la colazione tibetana, con noodle, zanba, ecc ad un prezzo di 30 CNY. Si consiglia vivamente di portare con sé biscotti, caffè istantaneo. Rientro a Shigatse.Pasti liberi.Pernottamento a Shigatse, 3 ★ / 4 ★ .

GIORNO 8
Shigatse – Lhasa
Al mattino, partenza per visitare il monastero di Tashilhunpo che è stato fondato nel 1447, il suo nome in lingua tibetana significa “il cumulo della gloria”, ma può anche essere tradotto come “luogo in cui si accumulano fortuna e felicità”. Si tratta di uno dei sei maggiori monasteri Gelugpa (la setta dei cappelli gialli) di tutto il territorio cinese, ed è il più grande monastero Gelugpa di quest’area del Tibet. fondato dal primo Dalai Lama nel 1447, la struttura del monastero fu ampliata dal quarto e dai successivi Panchen Lama. Tashilhunpo è la sede del Panchen Lama da quando il quarto Panchen Lama prese il comando nel monastero, e ora ci sono quasi 800 lama. Rientro a Lhasa. Pasti liberi. Pernottamento a Lhasa, 3 ★ / 4 ★.

GIORNO 9
Lhasa- Namtso(4718m)
Trasferimento a Nam Tso, un grande lago salato a circa 240 km a nord di Lhasa. Namsto in tibetano significa Lago celeste. Il colore del lago presenta tutte le tonalità di azzurro che si confonde con il cielo solitamente chiaro creando una visione onirica. Per un lungo tratto la strada è affiancata dalla nuovissima ferrovia. Il paesaggio e spettacolare! Si parte dai 3650 mt. di Lhasa e si sale ai 5190 al passo La Ken La per poi scendere sul lago Nam Tso, quota 4700 metri. Attorno, tutto è circondato da montagne incappucciate di neve, il paesaggio è quasi fiabesco, il lago è molto bello, infinito, turchese, l’aria molto pacifica e serena, yak colorati e dal pelo lunghissimo che girano in mezzo ad una miriade di nomadi con le loro tende. Ci sono quattro monasteri ai quattro punti cardinali . Verso le 15 il posto si svuota dai turisti che arrivano soltanto per la visita in giornata e vi potete godere il tramonto in tranquillità sul grande altopiano di Nam-Tso. Pasti liberi. Pernottamento a Nam Tso in Guesthouse.

GIORNO 10
Namtso- Lhasa
Alba a Nam Tso . Possibilità di fare un piccolo trekking intorno all’isola di Tashi. Rientro a Lhasa. Durante il tragitto, visiterai la sorgente termale di Yampachen (il prezzo include l’ ingresso , ma esclude la quota di balneazione, $ 8- $ 15 / persona per le diverse piscine). Yampachen si trova a sud dei monti Nyainqêntanglha ed e’ famosa per le sorgenti calde di Yampachen, che si trovano ad un’altitudine di 4290-4500, le sorgenti calde nella più alta quota di tutta la Cina. Qui sono state allestite piscine interne ed esterne, in cui i visitatori possono fare il bagno. Pasti liberi. Pernottamento a Lhasa, 3 ★ / 4 ★

GIORNO 11
Lhasa – Guangzhou
Trasferimento in aeroporto in tempo utile per prendere il volo per Guangzhou.
Cambio aeromobile e volo .Notte in volo

GIORNO 12
Volo-Italia
Arrivo in Italia e fine dei nostri servizi.